Per esperienza, dopo il pensionamento con una rendita di vecchiaia annua assicurata dal primo pilastro (AVS) e dal secondo pilastro (cassa pensioni) si può contare sul 60% circa dell’ultimo salario. Ti mancheranno quindi parecchi soldi per poter finanziare il tuo tenore di vita abituale anche durante la vecchiaia!

Studi giungono alla conclusione che nei prossimi 10 e più anni questo valore scenderà dall’attuale 60% al 45%. Per mantenere il tenore di vita abituale anche dopo il pensionamento dovrai quindi attingere ai tuoi risparmi. Riferendosi a questa erosione della sostanza, gli specialisti parlano di lacuna previdenziale. Anche il carico fiscale durante la vecchiaia è spesso sottovalutato: i pensionati non possono infatti più fare valere determinate deduzioni fiscali.

Esempio: se prima di andare in pensione avevi un reddito da lavoro di 100’000 CHF, una volta in pensione puoi contare su una rendita di circa 60’000 CHF. Ma tra non molto, a causa dell’evoluzione demografica (speranza di vita, più anziani, meno giovani) e degli interessi bassi (le casse pensioni hanno spesso investito ampie quote in obbligazioni) tale valore si avvicinerà ai 45’000 CHF.

Cosa fare?

Bisogna colmare la lacuna previdenziale. Una possibilità è rappresenta dal risparmio privato non vincolato – il cosiddetto pilastro 3b nel contesto della previdenza. Vi rientrano i normali sforzi di risparmio, per esempio mediante conti di risparmio, depositi azionari o investimenti immobiliari. Questi soldi o investimenti possono essere destinati in qualsiasi momento anche ad altri progetti privati (p. es. vacanze, nuova automobile ecc.).

Il pilastro 3a vincolato* è invece una soluzione previdenziale sostenuta dallo Stato sin dall’inizio. I versamenti nel pilastro 3a possono essere dedotti direttamente dal reddito da lavoro. Inoltre l’avere di risparmio non sottostà alle imposte sulla sostanza e i ricavi correnti, come interessi o dividendi, sono esenti da imposte. La Confederazione incentiva così i cittadini svizzeri a provvedere alla loro previdenza per la vecchiaia con il terzo pilastro. La previdenza con il pilastro 3a è quindi lo strumento ottimale per risparmiare in modo efficiente per la vecchiaia.

*Per «pilastro 3a vincolato» s’intende il fatto che tale patrimonio di previdenza può essere prelevato prima dell’età di pensionamento ordinaria solo in casi specifici:

  • raggiungimento dell’età AVS (prelievo possibile 5 anni prima)
  • finanziamento di un’abitazione ad uso proprio
  • acquisto di anni di contribuzione presso la cassa pensioni
  • inizio di un’attività indipendente
  • abbandono definitivo della Svizzera
  • invalidità e decesso