Le obbligazioni sono generalmente considerate veicoli di investimento a basso rischio. Gli investitori che non vogliono investire tutto il loro patrimonio in azioni solitamente investono in gran parte proprio in queste obbligazioni “a basso rischio”. Questo è lucrativo per la banca o il fornitore, in quanto significa che anche al cliente avverso al rischio può essere addebitato l’intera commissione di gestione. Ma un tale investimento in obbligazioni ha senso per il cliente nell’attuale contesto di bassi tassi d’interesse? E quali rischi si assume (inconsciamente) il cliente? I seguenti punti fanno luce su questo argomento:

Rendimento a scadenza

Il rendimento alla scadenza di un’obbligazione mostra quanto rendimento l’investitore riceverà all’anno se tiene l’obbligazione fino alla scadenza. Nell’attuale contesto di bassi tassi d’interesse, molte obbligazioni hanno un rendimento molto basso fino alla scadenza, e nel caso dei titoli di stato svizzeri di solito addirittura un rendimento negativo. Inoltre, la commissione di gestione o la commissione del fondo della banca o del fornitore deve essere dedotta da questo. In termini netti (dopo i costi), le obbligazioni svizzere di solito hanno un rendimento negativo, quindi il cliente subisce una perdita alla scadenza mentre il fornitore incassa la commissione. Inoltre, ci sono vari rischi.

Rischio di tasso di interesse

I prezzi delle obbligazioni salgono o scendono a seconda delle variazioni dei tassi d’interesse. In termini semplici, il prezzo di un’obbligazione esistente scende quando i tassi d’interesse aumentano, poiché le obbligazioni di nuova emissione hanno pagamenti di cedole relativamente alti. Per compensare questo, la valutazione delle obbligazioni esistenti scende e diventano corrispondentemente meno care. Come investitore, si sopporta quindi temporaneamente un rischio di variazione del prezzo dovuto al cambiamento dei tassi d’interesse, se le obbligazioni non vengono tenute fino alla scadenza o se si effettua un cambiamento di strategia. Il seguente grafico mostra un esempio di questo per il tasso d’interesse del CHF a 10 anni e i prezzi dei titoli di stato svizzeri.

In passato, le obbligazioni hanno goduto di lunghi guadagni di valutazione a causa dei tassi di interesse in costante calo, ma questo è stato invertito negli ultimi 2-3 anni.

Il calo dei tassi d’interesse può quindi essere visto anche come un’opportunità per vendere le obbligazioni a un prezzo più alto. Per un investitore a lungo termine, tuttavia, la domanda è se ci si può aspettare a medio e lungo termine anche tassi d’interesse più bassi nell’attuale contesto di tassi d’interesse (negativi) o se lo scenario di tassi d’interesse in aumento non sia considerato più realistico.

Possibili cambiamenti dei tassi d’interesse possono naturalmente essere anticipati e “scambiati” a breve termine – cioè l’investitore cerca di trarre profitto dal calo dei tassi d’interesse e realizza guadagni di valutazione a breve termine. Il fatto che i fondi obbligazionari abbiano tipicamente alti spread parla contro questo. L’entrata e l’uscita temporanea sono quindi associate a costi relativamente alti. Questo è anche un problema con i fornitori che non offrono un conto cash gratuito e fruttifero – se un cliente vuole temporaneamente prendere il rischio dal suo portafoglio, questo è associato ad alti costi di spread quando si passa alle obbligazioni, cosa che non accadrebbe con il cash.

Rischio d’inflazione

L’inflazione può far sì che i futuri pagamenti di interessi valgano meno in termini reali. Il rendimento reale è la differenza tra il pagamento degli interessi e il tasso d’inflazione. Più alta è l’inflazione, più basso è il rendimento reale effettivo, quest’ultimo può quindi essere anche negativo. Un’inflazione elevata può anche portare la politica monetaria a imporre aumenti dei tassi d’interesse chiave, il che a sua volta può portare a un calo dei prezzi delle obbligazioni.

Rischio di valuta estera

Per evitare il basso livello dei tassi d’interesse delle obbligazioni in CHF, una parte del patrimonio viene solitamente investita in obbligazioni in valuta estera. Poiché si suppone che questo sia un investimento a basso rischio, molti fornitori coprono il rischio di valuta estera. Ciò significa che il rischio di cambio di un’obbligazione in USD, per esempio, è completamente coperto. Tuttavia, questa copertura valutaria provoca dei costi che corrispondono all’incirca all’importo della differenza di tasso d’interesse tra USD e CHF – un eventuale livello di tasso d’interesse più alto in USD è quindi annullato dalla copertura! Il cliente spesso non è consapevole del fatto che la copertura comporta questo effetto di costo – ma alla fine, il cliente finisce di nuovo al livello del tasso d’interesse in CHF, cioè con un rendimento negativo dopo i costi.

Rischio d’insolvenza

Con le obbligazioni c’è sempre un rischio di insolvenza, dato che il debitore, cioè l’emittente dell’obbligazione, può essere inadempiente o addirittura diventare insolvente. Tuttavia, questo rischio è di solito minimizzato nella previdenza attraverso la diversificazione tramite fondi indicizzati.

Conclusione

Le obbligazioni non sono adatte per investimenti a lungo termine nell’attuale contesto di bassi tassi d’interesse. Oltre a un rendimento spesso negativo alla scadenza dopo la deduzione dei costi, l’investitore si assume ulteriori rischi di cui spesso non è nemmeno consapevole. Allo stesso tempo, la banca o il fornitore continua a raccogliere una commissione di gestione. VIAC non usa obbligazioni nelle strategie standard proprio per questo motivo! Al contrario, il denaro viene investito gratuitamente nel conto fruttifero. VIAC rinuncia deliberatamente alle commissioni nell’interesse dei beneficiari della previdenza e non costringe gli investitori conservatori a investire la parte a basso rischio del patrimonio in obbligazioni a rendimento negativo.